Anno del Signore...

« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Scegli Regione

Cerca

Rocca Calascio Featured

Written by  Sabato, 25 Novembre 2017 10:53
Rate this item
(0 votes)

Ad un’altitudine di 1460 metri, situata all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso in Abruzzo, sorge l’abbandonata Rocca Calascio. Il borgo è diviso a scaglioni sulle pendici di uno dei Monti della Lega, componendo insieme un unico organo fortificato. 



Il piu’ basso, Calascio, risulta essere il centro abitato dotato di urbanizzazione, negozi e quant’altro, mentre quello più alto, Rocca Calascio, è per lo più un borgo storico, trascurato e lasciato alla mercè della natura.

Tuttavia, pur presentando tali caratteristiche di certo non esaltanti, l’antico fascino di questie abitazioni spesso scoperchiate lascia di stucco, il tutto condito da una splendida vista panoramica da cui è possibile scorgere meravigliosi primi piani del Gran Sasso.

Rocca Calascio presenta inoltre un piccolo e accogliente rifugio a conduzione familiare, unico spiraglio di civiltà del luogo, che potrà fornirvi cibo, bevande e informazioni.

Superato in auto il paese abitato, Calascio, parcheggeremo comodamente l’auto negli appositi reparti adibiti e proseguiamo a piedi per entrare nel borgo medievale di Rocca Calascio.

Proseguendo e oltrepassando il borgo, troverete le indicazioni per arrivare all’attrazione vera del luogo, la Rocca. Attraverso un tortuoso e non definito percorso (in cui trovare neve non è certo un’utopia), arriviamo nel punto più alto del monte, dove potremo finalmente ammirare lo splendido panorama che Rocca Calascio regala gratuitamente

La fondazione della Rocca è datata anno 1000, ma il primo riferimento ufficiale si ha nel 1380, dove si menziona un torrione di forma quadrangolare che svolge il ruolo di torre d’avvistamento. Nel XIV secolo è possedimento di Leonello Acclozamora, per poi passare in proprietà di Antonio Todeschini della famiglia Piccolomini. Quest’ultimo, rafforzando la fortificazione, diede un considerevole peso economico alla Rocca, che venne posta a controllo dei capi di pecore coinvolti nella transumanza.

Nel 1579 fu acquistata dai Medici per 106.000 ducati, includendo nel pacchetto anche il vicino borgo di Santo Stefano di Sessanio. L’acquisto da parte della famiglia fiorentina diede loro la possibilità di espandere il redditizio commercio della lana.

Nel 1703 la montagna fu vittima di un tremendo terremoto che devastò la Rocca e costrinse gli abitanti a trasferirsi più in basso, in quello che attualmente prende il nome di Calascio.La Rocca viene anche ricordata come scenario ambientale del film Lady Hawk, prodotto nel 1985.

 

Galleria di Rocca Calascio:



Mappa di Rocca Calascio:

Read 124 times Last modified on Sabato, 25 Novembre 2017 10:54
More in this category: « Alba Fucens Celano »